STORIA DEL ROSARIO

Nelle prediche dei sacerdoti non si parla mai della potenza del Rosario

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Oh se anche i Parroci, diffondessero questa semplice e tanto efficace devozione del Rosario, anzitutto tra i parrocchiani, e tra quelli del popolo che non praticano la Chiesa, vedrebbero una diversa condotta nel loro gregge, e tutti rimarrebbero ammirati della loro vita virtuosa.

Questa esperienza la visse in prima persona un Sacerdote, di nome Cristiano, del Regno della Dacia, illustre guida delle anime, ed era solito raccontarla. Diceva: “Esercito ormai da molti anni il servizio pastorale della predicazione: proposi alla folla diversi temi d’ogni argomento, anche con vari stili oratori, e presentai in modo particolareggiato, oltre ad essi, anche ogni sorta di preghiere, senza aver trascurato nessun argomento; queste cose mi sembravano utili, sia da insegnare, che per istruire.

Ma lanciavo, come si suol dire, tutte le cose al vento e alle onde del mare. Infine, dopo aver consumato i miei anni in fatiche sterili e inutili, e venivano meno le forze a motivo dell’età che avanzava, senza vedere alcun alcun frutto tra i fedeli, decisi di provare a predicare il tema del Rosario, che fino ad allora avevo così trascurato, da considerarlo proprio l’ultima cosa; anche se molto spesso avevo raccomandato altre forme di orazione, mai tuttavia la preghiera del Rosario, poiché non la ritenevo appropriata e conforme ad un pulpito.

il potere del santo rosario

Così iniziai a proporre il Rosario: predicai con serietà e senza mezzi termini, che il soccorso della Vergine Maria, Madre di Dio andava implorato mediante la preghiera del Rosario, e ammonii che la morte e il giudizio particolare incombono su ogni uomo: esortai che non vi è nulla di più certo per salvarsi, del Pater Noster e dell’Ave Maria, e che niente era più facile da farsi, di quella antichissima devozione al Rosario di Cristo e di Maria. Continuavo nel proposito intrapreso, e mentre camminavo recitavo il Rosario: non era passata neanche la prima metà dell’anno, che ecco, ne sono testimone, il Rosario portò un tale mutamento nelle anime e nei costumi, ancor più grande di quello che io ricordi mai di aver visto”.

Questa forza viene dalla recita del Rosario! O Sacerdote, tu credi di fare bene, solo perchè predichi Cristo? Perché continui a predicare quelle cose, che tu stesso a mala pena comprendi? E se anche tu, a fatica, le comprendi, chi credi di convincere? “Non cercare di capire cose più elevate di te, e non competere con realtà superiori alle tue forze. Invece tieni sempre in mente ciò che Dio vuole da te e non cercare di comprendere tutte le sue opere. Non è opportuno, infatti, che tu fissi lo sguardo a quelle cose, che non sono state manifestate…

Tocca con mano ed insegna a recitare il Rosario di Maria! Mediante il Rosario, attendi il frutto della salvezza della tua anima e del prossimo. Il Rosario è facile da comprendersi ed è a portata di tutti. Cristo, vi ho dato da bere latte e non pane duro” (1 Cor. 3,2). Quello che hai cercato da così lungo tempo e hai predicato in vari modi, lo trovi interamente nel Rosario, e non hai bisogno di altro.

Perché insegni ad altri a volare, tu che riesci appena a camminare a carponi? Perchè costruisci un castello di fango, che poco dopo si distrugge? Ohimè, perchè desideri conquistare e renderti piacevole agli orecchi degli uomini, piuttosto che salvare le loro anime?

Lo sai che rischi la morte, e con una freccia proprio scagliata da te medesimo? Fidati del Rosario, adopera il Rosario, deliziati del Rosario! Il Rosario supera le vette, ma non entra in competizione con esse: è la vetta nell’umiltà, lo splendore nell’oscurità, poichè esalta le cose umili e rende luminose quelle oscure.

Se ai sapienti di questo mondo sembrerà basso e abietto predicare il Rosario, non così è per Dio, il quale, mentre esalta le cose umili, umilia quelle più alte.

Per questo, o Sacerdote virtuoso, prova ad ascoltare il mio consiglio: avvicenda i temi di predicazione, e, almeno ogni tanto, predica il Rosario. Un rimedio che giova, le anime ben disposte lo riconoscono e percepiscono subito, quando ci si accorge che esso è facile ad attuarsi e gradevole. Questo rimedio è il Rosario, e ama predicarlo, non con le parole colte della sapienza umana, ma manifestandone la ricchezza e il valore. Abbi fiducia! Il Rosario è ricolmo di tali e tante meraviglie, non solo per la gran quantità di storie esemplari, ma anche per i molti fatti prodigiosi.

Ugo Maggengo
Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore. Ugo

Ti potrebbe piacere anche

I commenti sono chiusi.