PAPA FRANCESCO

Quando non c'è tenerezza diventiamo troppo seri e acidi

tenerezza
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Santo Padre riferendosi in particolar modo alla tappa compiuta in Macedonia del Nord, ha ricordato le suore di Madre Teresa e ha detto: “Sono rimasto colpito della tenerezza evangelica di queste donne e questa tenerezza nasce dalla preghiera dall’adorazione. Loro accolgono tutti ma lo fanno con tenerezza. Tante volte noi cristiani perdiamo la dimensione di questa tenerezza e quando non c’è tenerezza diventiamo troppo seri, acidi”.
Portando le suore di Madre Teresa come esempio, Il messaggio che il papa ha voluto passasse è che è necessario praticare la carità senza travestirla poiché nel momento in cui si fa della carità senza tenerezza o senza amore è come se all’opera di carità si buttasse un bicchiere di aceto.
In Bulgaria, invece, con il motto “Pacem in terris” il papa ha spiegato di aver invitato tutti a camminare sulla via della fraternità ed ha aggiunto: “In effetti, come cristiani, la nostra vocazione e missione è essere segno e strumento di unità, e possiamo esserlo, con l’aiuto dello Spirito Santo, anteponendo ciò che ci unisce a ciò che ci ha diviso o ancora ci divide”.
Nel corso dell’udienza generale il papa ha poi ricordato e portato come importante esempio per tutti la figura di Jean Vanier un grande uomo di Chiesa, morto il giorno prima, che “ha lavorato per i più poveri, per i più scartati, anche coloro che nel grembo della mamma erano condannati a morte. Lui li ha ricevuti e ha dato vita”.
Al termine dell’udienza generale il Santo padre ha sporto i suoi saluti all’associazione Meter, fondata da don Fortunato Di Noto ed impegnata contro lo sfruttamento dei bambini.

Ugo Maggengo
Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore. Ugo

Ti potrebbe piacere anche

I commenti sono chiusi.

Guarda in:PAPA FRANCESCO