Preziosi consigli per la nostra anima

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi voglio darvi preziosi consigli su come liberare la nostra anima da tutto ciò che ci impedisce di vivere nella gioia, nella pace, e gustare l’amore di Dio, il tocco di Dio, quello che ci fa sentire tutto il suo grande amore per noi.

Preziosi consigli che spezzeranno le catene che ci tengono ancora legati a questo male profondo. Spesse volte ci chiediamo come mai la mia vita non cambia. Come mai mi sento disperato, agitato e con poca fede. Come mai vedo Cristo ancora come una statua lì nella mia chiesa. Perché mangio Gesù Eucaristia ogni giorno, e mi sento vuoto. Perché quando penso a Dio ancora mi chiedo: Ma esiste?

Carissimo, ecco allora questi preziosi consigli che ho ricavato non da me ma da un preziosissimo testo di di Don Pasqualino Fusco. E vi garantisco che è la sacro santa verità. Osservando e mettendo in pratica questi consigli, la nostra vita spirituale cambierà volto. Allora potremo dire: HO CONOSCIUTO IL VOLTO DI DIO PUR NON AVENDOLO VISTO. HO UDITO LA VOCE DEL SIGNORE, PUR NON AVENDOLA SENTITA.

E’ bene sapere che impediscono la liberazione:

  • Rito magico mai confessato (fosse fatto anche solo per gioco o da ragazzi).
  • Qualche peccato grave non ancora confessato, che non si vuole confessare o di cui uno non si vuole pentire e non vuole chiedere perdono a Dio.
  • Qualche patto con Satana (o altra forma di legame col Demonio) fatto per avere qualcosa da lui e che si nasconde ai genitori o al coniuge (e al sacerdote esorcista!).
  • L’aborto! La preghiera che non sopportano i demoni che disturbano le donne che hanno fatto l’aborto è l’Atto di Dolore recitato 10 volte consecutive, in ginocchio. (Si consiglia di fare tale preghiera più volte al giorno).

Preziosi consigli per ottenere liberazione

  1. Dobbiamo sforzarci di vivere la Santa Messa per quanto più possibile con pieno fervore. Ecco perché è sbagliato dire: ho sentito la messa. Si dice invece; ho partecipato alla Santa Messa. Non serve scaldare il banco.
  2. Partecipate con fervore alla S. Messa! Molti stanno in chiesa solo a… scaldare il banco! Inoltre preparatevi con apposite preghiere a ricevere Gesù nell’Ostia Santa. Poi, dopo aver ricevuto la S. Comunione, fate il dovuto ringraziamento in ginocchio al Figlio di Dio che è venuto in voi. Quello è il momento più adatto per pregarlo intensamente e chiederGli di liberarvi dalle presenze demoniache, poiché avete il Signore cuore a cuore in voi! Quanta freddezza mostrano tante persone che, dopo aver fatto la S. Comunione, vanno a posto e stanno seduti senza adorare e ringraziare COLUI che l’universo non può contenere e che allora è presente vivo e vero in loro! Nessuna meraviglia perciò se non ottengono la liberazione.
  3. Pregate sempre in ginocchio! Lo stare in piedi (specie in chiesa davanti a Gesù Sacramentato o durante la recita del rosario) è una grave mancanza di rispetto e di umiltà verso il Signore! Inoltre pregate soprattutto col cuore! Quante persone non ottengono la liberazione da disturbi diabolici Perché pregano solo con le labbra, ma hanno il cuore lontano da Dio e dalla sua Santa Madre!
  4. Non fatevi mettere le mani sulla testa (o toccare) da nessuno e per nessun motivo, ma solo dal sacerdote (che, come tutti sanno, ha le mani consacrate). Quanti pranoterapeuti, sedicenti carismatici, presunti guaritori, persone che fanno credere di essere anime sante o “santoni” impongono le mani e rovinano tante persone. Il Demonio stesso, in un esorcismo, è stato costretto a dire che tutte queste persone (in buona fede e non) che toccano gli altri, fanno il suo gioco e scaricano addosso agli altri presenze diaboliche che si rivelano poi anche a distanza di anni. “Io ho paura – ha detto Satana – solo delle mani consacrate dei sacerdoti!”. Perciò attenti, Perché certi errori o leggerezze si pagano a caro prezzo!
  5. E’ necessario pregare molto, pregare bene, pregare sempre (Luca 21, 36). Quanti mi dicono: “Ho tanto lavoro, non ho tempo di fare tutte queste preghiere e di andare ogni giorno a messa”… La Madonna stessa risponde a queste persone: “Cari figli, non si vive solo di lavoro; si vive anche e soprattutto di preghiera!”. E un’altra volta ha aggiunto: “Figlio mio, quando tu dici: Vado a Messa quando ho tempo… prego quando ho tempo, è come se tu dicessi a Dio: SIGNORE, TU PER ME NON VALI NIENTE!”… Dopo tali parole come si fa a meravigliarsi se la liberazione tanto chiesta non arriva?
  6. Chi ha fatto sedute spiritiche o altre gravi pratiche di Magia Nera chieda sempre, nella preghiera, continuamente perdono a Dio! Quante persone non ottengono la liberazione, anche con continui esorcismi, Perché si sono confessati di queste cose con molta leggerezza (e forse senza un vero e sentito pentimento). Non lamentiamoci perciò se la liberazione non arriva!
  7. Soprattutto le donne siano sempre decenti nel vestire. Quante sono ricadute nella possessione diabolica (o non riescono ad ottenere la liberazione) dato che continuano a dare scandalo!
  8. Molte persone, specie nei piccoli paesi di campagna, dicono di togliere il malocchio ed usano mettere in un piatto d’acqua gocce di olio o chicchi di grano (o cose simili). Anche se sono in buona fede o brave persone, smettano immediatamente di fare cose simili. Perché questo è un rito magico. Ed i riti magici portano poi nelle mani del Demonio. Anche se queste persone dicono preghiere o fanno segni di croce, non sanno quello che fanno. La Bibbia è chiara: “Popolo mio, non si trovi in mezzo a te chi esercita la divinazione, il sortilegio o la magia; né chi faccia incantesimi, né chi consulti gli spiriti o gli indovini, né chi interroghi i morti, Perché chiunque fa queste cose suscita la collera del Signore” (Deuteronomio 18,10-14).
  9. Le persone realmente impossibilitate ad andare da un esorcista possono creare un gruppo di preghiera nella propria parrocchia o nella propria famiglia e fare preghiere di liberazione con amici e familiari. Il Signore e la Madonna faranno il resto.
  10. Istruitevi ogni giorno nella religione cattolica! Quante persone sono prese di nuovo dal Maligno, dopo essere state liberate dall’esorcista, a causa della loro ignoranza religiosa! La Sacra Scrittura, non a caso, ci dice: “Lampada ai miei passi è la tua parola, o Signore; luce al mio cammino”.
  11. Confessatevi spesso, soprattutto confessatevi bene. Il Maligno ha terrore della confessione. Perché se è ben fatta gli strappa dalle mani le anime e le rimette in quelle di Dio! Perciò non esiste nessun esorcismo più potente della confessione ben fatta. Infatti quando al Maligno è stato imposto di dire cos’è la confessione, ha dato una risposta sbalorditiva: E’ IL SANGUE DI CRISTO CHE LAVA LE ANIME! Ma che uso fanno i cristiani di questo straordinario sacramento?
  12. Partecipate sempre alle ore di adorazione eucaristica! Anche in chiesa adorate Gesù vivo e vero nell’Ostia Santa, soprattutto quando è solo. E’ LUI il vostro LIBERATORE, non l’esorcista. Il Maligno non può niente contro le anime eucaristiche e devote di Maria, la sua grande ed eterna NEMICA!
Ugo Maggengo
Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore. Ugo

Ti potrebbe piacere anche

I commenti sono chiusi.

Guarda in:SPIRITUALITA'