MISTERI GAUDIOSI

Misteri Gaudiosi dal libro La grande promessa di Fatima

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima
Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Preghiera iniziale

O Gloriosissima Regina del Santo Rosario, Nobilissima Signora Immacolata e Assunta in cielo,  Tenerissima Madre di Dio e Madre nostra, vi chiedo di intercedere per me presso il Cuore Sacratissimo di Gesù affinchè attraverso la recita del Santo Rosario mi conceda la grazia……che tanto spero.

Angelo mio custode, recita insieme a me questo santo rosario affinchè possa recitarlo bene e ottenere le sante indulgenze. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Recitare tre Ave Maria (facoltative) per chiedere: la carità, la fede e la speranza.

Recitare il Credo (facoltativo): Io credo in Dio Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre Onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la Santa Chiesa Cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna.

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

PRIMO MISTERO GAUDIOSO

L’Annunciazione

Il grande mistero invocato da secoli si compie, la Vergine diviene il tabernacolo vivente di Dio e nel mondo, intorpidito nel gelo della colpa, si accende la fiamma dell’amore infinito.

L’Arcangelo Gabriele è venuto, come ambasciatore celeste, ad offrirle la dignità sovrumana di Madre di Dio, e ne attende il supremo responso. Maria trema di umiltà, ma accetta. Il suo fiat schiude le porte del cielo e fa trasalire di gioia tutta la terra.

Anche il suo Cuore esulta. D’ora innanzi esso si struggerà, come fiaccola palpitante, davanti al tabernacolo vivo del suo seno. Quel cuore verginale, traboccante di grazia, è in giubilo, perché la divina presenza verrà a deporre il sigillo sulla sua perenne consacrazione. Quel cuore di Madre tripudia, al pensiero che il suo sangue sarà sangue e vita di Gesù. Esulta sapendo che è vicina la redenzione per tutte le anime per le quali Maria già prova quell’immenso palpito materno che Iddio vivente in lei ha acceso nel suo petto. Diventando Madre di Gesù, Maria è diventata anche madre nostra.

Uniamo il nostro gaudio a quello della Vergine e ringraziamo il Signore per aver così altamente onorato la nostra umanità da assumerla nel seno di Maria; per averci donato una madre così tenera e così adorna di privilegi divini.

Imitiamo il grande esempio di umiltà che ci porge il suo Cuore Immacolato. Proclamata Madre di Dio, Maria si protesta sua umile ancella.

«Se piacque al Signore la sua verginità, è la sua umiltà che ha attirato Iddio nel suo seno» assicura san Bernardo; e sant’Agostino aggiunge che «l’umiltà di Maria è diventata la scala celeste per cui Iddio discese sulla terra». Preghiamo ardentemente questa nostra buona Madre ad ottenerci l’umiltà del cuore, la disponibilità alla volontà divina, una fedeltà incrollabile al nostro dovere, fino alla morte.

Intenzioni: Per tutti gli sposi affinchè possano essere fedeli alle promesse coniugali.

1 Padre nostro, 10 Ave Maria e un gloria al Padre.

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

SECONDO MISTERO GAUDIOSO

La Visitazione

«È volontà di Dio — ha scritto S. Bernardo — che ogni grazia venga a noi per mezzo di Maria».

Il Signore ha racchiuso nel suo Cuore Immacolato, come in uno scrigno prezioso, tutti i tesori del cielo, e a Lei ha affidato la distribuzione di questi tesori ad ogni anima.

Ne abbiamo in questo mistero una conferma eloquente. Appena la Vergine saluta Elisabetta, ecco che la grazia santifica Giovanni Battista, ancora nel seno materno, e una luce sovrumana, investendo lei stessa, le fa intravedere il mistero della divina maternità: onde proclama Maria beata fra tutte le donne.

Anche Maria ha preso coscienza dei misteri di grazia e di servizio che Iddio le ha elargiti, ma non per invanirsene. Quel suo Cuore ardente e umile, quel Cuore di ancella e di Regina, canta al Signore con ispirato lirismo la sua sconfinata riconoscenza: Magnificat anima mea Dominum!

A Dio solo l’onore e la gloria. Meditiamo il cantico che Maria nell’estasi della sua umiltà glorificata levò, come profumo di verginità e di amore che inebria le anime, ed impariamo a riferire al Signore ogni istante della nostra vita, ché tutto è dono di Dio.

Impariamo a disprezzare la vanità, la compiacenza di sé, che sono il tarlo dei meriti; impariamo dall’esempio della Vergine santa una carità tenera e delicata per il prossimo.

In ogni necessità, in ogni ora, rivolgiamoci al Cuore Immacolato di Maria, tesoro inesauribile e sorgente creata di grazia. O beata quella casa in cui entra il Cuore di Maria con la sua protezione! Beata l’anima che è visitata da questo Cuore magnificamente materno!

Intenzioni: Affinchè Maria visiti tutte le famiglie del mondo e porti Gesù nei cuori di ogni membro familiare.

1 Padre nostro, 10 Ave Maria e un gloria al Padre.

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

TERZO MISTERO GAUDIOSO

La Nascita di Gesù

Gesù è nato! Reclinato nel piccolo presepe, Egli contempla la Madre sua che, in ginocchio, l’adora, perduta in un’estasi d’amore. Esiliandosi su questa terra Gesù l’ha creata appositamente, perché tenesse presso di sé il posto di tutta la Corte celeste. Le ha quindi formato un cuore capace per estensione, profondità e tenerezza, di comprendere e consolare il suo.

Nella notte luminosa, il Cuore di Maria è un oceano di gaudio. Il suo Figliolo, tenero come un fiore, che Ella stringe fra le braccia, è il suo Dio, il Redentore che ha dato al mondo divenendo Madre, pur restando Vergine, «concepito per arcana potenza dalla virginea sostanza, e germogliato, come un fiore di luce e di vita, all’alito caldo dello Spirito Santo» (S. Giovanni Damasceno).

Quel Dio che i cieli non bastano a comprendere nella sua immensità s’è annientato per rivestire la nostra umanità, attratto da quell’eterna carità con cui ci ha amati.

Maria gode delle umili adorazioni dei pastori, trasalisce alla voce ed all’omaggio dei Re Magi, pensando che il suo Gesù sarà conosciuto ed amato da tante anime. Se per breve trema d’angoscia perché Erode ha sospeso la sua spada sanguinosa sul capo del Bimbo, si riconforta nella intimità di un amore materno, così umile, tenero e sconfinato che forma lo stupore degli angeli.

Rallegriamoci con il Cuore di Maria. È la salvezza che è sorta per l’umanità peccatrice. Gesù è la via al cielo per tutte le anime. Impariamo la divina lezione di Betlem. «Nell’angustia di una greppia è contenuto chi ha sede nel cielo, affinché noi potessimo espanderci nella gioia d’un regno eterno. È reclinato nel presepe Colui che è pane degli Angeli, affinché noi fossimo saziati col frumento delle sue carni — esclama Beda, il Venerabile. — Poteva venir sommovendo il cielo e scuotendo la terra. Ma viene per salvare, non per perdere. Dalla culla calpesta la superbia e le cupidigie, e nasce povero, da povera madre».

Disprezziamo anche noi gli agi, i conforti, la facile vita dei sensi. Gesù e Maria c’insegnano l’abnegazione, il sacrificio. Abbracciamo con gioia la nostra piccola croce quotidiana. Insieme a Gesù, con l’aiuto della Vergine Santissima, essa ci parrà leggera.

Intenzioni: Per tutti gli sposi che hanno problemi di avere un figlio.

1 Padre nostro, 10 Ave Maria e un gloria al Padre.

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

QUARTO MISTERO GAUDIOSO

La Presentazione di Gesù al Tempio

Come tutte le madri ebree, Maria si presenta alla porta del Tempio a chiedere la sua purificazione, ad offrire all’Eterno il suo Unigenito. Eppure la Vergine non ha bisogno di purificazione essendo per un privilegio ineffabile Vergine Madre. Non ha bisogno d’esser riscattato Gesù, che per natura è l’Unigenito del Padre, il Sacerdote Eterno del Nuovo Patto. Anche in questa occasione Maria è modello di virtù; esempio di modestia, di umiltà, di obbedienza, di fedeltà al dovere, alla legge del Signore. Quale virtù non rifulge nel cuore di Maria? È un cielo di meraviglie. «Dio ha fatto un mondo per l’uomo pellegrino ed è quello che noi abitiamo. Ha fatto un mondo per l’uomo beato ed è il paradiso: ma ne ha fatto un altro per abitarvi Egli stesso a cui ha dato il nome di Maria» (S. Luigi Grignion de Montfort).

Riflettiamo: che gioia per quel Cuore materno udire il canto del vecchio Simeone evocare i tempi avvenire! Il suo Gesù è proclamato l’Aspettato d’Israele, la salvezza di tutti. Ma insieme che strazio a quel preludio di dolorosa passione! Già la punta acuminata di una spada ricerca quel Cuore materno.

Impariamo dalla Vergine Santissima la generosità nel bene, la fedeltà costante al nostro dovere, a piegarci con umile rassegnazione alla volontà di Dio.

In un celebre quadro è dipinta la presentazione di Gesù al Tempio. Il venerando Simeone solleva Gesù sulle sue braccia scarne. L’ombra di quel gesto staglia sullo sfondo il profilo di una Croce… Maria la vede trasalendo d’angoscia, ma ripete senza esitare la sua parola d’agonia: Fiat! Apriamo anche noi il nostro cuore e le nostre braccia alla croce e portiamola come un divino retaggio, lungo il nostro Calvario. «Chi acconsente a soffrire per Iddio — dice S. Giovanni della Croce — dimostra d’essersi dato veramente a lui, e di amarlo».

Un educatore santo, Edoardo Poppe, ha scritto: «Una piccola croce sopportata con dolorosa pazienza per cinque minuti fa maggior bene che non grossi volumi ed innumerevoli scritti; perché operare è bene, pregare è meglio, ma la cosa migliore è soffrire!». Penetriamoci di queste alte verità, procuriamo di praticarle.

O Maria, come il nostro cuore è diverso dal tuo! Insegnaci, o Madre, la preziosità della docilità a Dio, della fedeltà alla legge santa, dell’amore alla sofferenza, del sacrificio riparatore.

Intenzioni: Per tutti i bambini al mondo affinchè Maria li assista e li protegga.

1 Padre nostro, 10 Ave Maria e un gloria al Padre.

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

QUINTO MISTERO GAUDIOSO

Il Ritrovamento di Gesù nel Tempio

«Abbiamo smarrito Gesù». Chi può ridire lo strazio di Maria e di Giuseppe, quando s’accorsero che Gesù non era con loro? Lo cercarono dappertutto, nelle giornate febbrili, nelle notti insonni, affacciandosi ad ogni tenda, scrutando ogni ombra, interrogando ogni viso di bimbo. Dov’era mai Gesù? Forse lungo una via a stendere esitante la mano per sfamarsi? Oh benedetta la mano che si fosse tesa ad alleviare la sua pena, con un gesto di carezza!

Gesù era nel Tempio. Insegnava ai maestri d’Israele. La Vergine lo scorse da lontano, ed il suo Cuore traboccò di gioia, indicibilmente.

Il Cuore di Maria si è rivelato: è pieno di ansia e di tenerezza per i suoi figli. Non sono forse io il figliol prodigo che si è smarrito nella notte del peccato? Forse la Vergine, nostra Madre, m’insegue palpitando d’angoscia, struggendosi nell’attesa, deplorando la mia sconsiderata ostinazione. Forse l’anima mia è lacera e sanguinante nel groviglio delle passioni, nel rovaio delle colpe. Oh mi alzerò anch’io, come il prodigo giovinetto e ritornerò al Cuore della Madre mia, per sentirmi alitare in volto il soffio del tenero perdono: Figlio, perché mi hai fatto questo?

È il peccato che ci fa perdere Gesù, che insozza la bellezza dell’anima nostra. Il Cuore Immacolato di Maria che non fu mai per un solo istante offuscato da macchia, né sfiorato da alcuna sozzura, c’ispiri un odio inestinguibile per l’offesa a Dio, ci faccia amare la purezza, l’innocenza della vita.

Il messaggio di Fatima è un accorato invito di Maria a desistere dal peccato, a far penitenza. «La Madonna ha detto che i peccati del mondo sono molto grandi, ed Ella non può più trattenere il braccio del suo amato Figlio. Bisogna far penitenza». Così Giacinta sul letto di morte.

Rallegriamoci ancora con quel Cuore ammirabile che ha saputo serbare in sé, meditando senza posa, i divini misteri della vita di Gesù, facendone nutrimento alla sua mente, fiamma al suo spirito, e chiediamogli l’amore alla vita interiore, il dono di vivere continuamente alla presenza di Dio, raccogliendoci anche nel frastuono delle occupazioni; chiediamo la grazia di ritrovare Gesù, in ogni nostro dovere, compiuto fedelmente. Oh, se le nostre famiglie saranno una copia fedele della Sacra Famiglia di Nazaret, la vita intera sarà santificata e benedetta e sarà assicurato un gran premio in cielo!

Intenzioni: Per tutte quelle famiglie che non vivono secondo la legge di Dio e sono nello smarrimento.

Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

1 Padre nostro, 10 Ave Maria e un gloria al Padre.

SALVE, O REGINA

Salve, o Regina, madre di misericordia,

vita, dolcezza e speranza nostra, salve.

A te ricorriamo, esuli figli di Eva: a te sospiriamo,

gementi e piangenti in questa valle di lacrime.

Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi

gli occhi tuoi misericordiosi e mostraci, dopo

questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno.

O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Per le intenzioni del Sommo Pontefice e per l’acquisto delle sante indulgenze: 1 Padre, Ave e Gloria.
Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima
LITANIE LAURETANE (facoltative)

Signore, pietà. Signore pietà
Cristo, pietà. Cristo pietà
Signore, pietà. Signore pietà
Cristo, ascoltaci. Cristo, ascoltaci
Cristo, esaudiscici. Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio, Abbi pietà di noi.

Figlio, Redentore del mondo, che sei Dio, Abbi pietà di noi.
Spirito Santo, che sei Dio, Abbi pietà di noi.
Santa Trinità, unico Dio, Abbi pietà di noi.

Santa Maria, prega per noi.
Santa Madre di Dio, prega per noi.
Santa Vergine delle vergini, prega per noi.
Madre di Cristo, prega per noi.
Madre della Chiesa, prega per noi.
Madre della divina grazia, prega per noi.
Madre purissima, prega per noi.
Madre castissima, prega per noi.
Madre sempre vergine, prega per noi.
Madre immacolata, prega per noi.
Madre degna d’amore, prega per noi.
Madre ammirabile, prega per noi.
Madre del buon consiglio, prega per noi.
Madre del Creatore, prega per noi.
Madre del Salvatore, prega per noi.
Madre di misericordia, prega per noi.
Vergine prudentissima, prega per noi.
Vergine degna di onore, prega per noi.
Vergine degna di lode, prega per noi.
Vergine potente, prega per noi.
Vergine clemente, prega per noi.
Vergine fedele, prega per noi.
Specchio della santità divina, prega per noi.
Causa della nostra letizia, prega per noi.
Tempio dello Spirito Santo, prega per noi.
Tabernacolo dell’eterna gloria, prega per noi.
Dimora tutta consacrata a Dio, prega per noi.
Rosa mistica, prega per noi.
Torre di Davide, prega per noi.
Torre d’avorio, prega per noi.
Casa d’oro, prega per noi.
Arca dell’alleanza, prega per noi.
Porta del cielo, prega per noi.
Stella del mattino, prega per noi.
Salute degli infermi, prega per noi.
Rifugio dei peccatori, prega per noi.
Consolatrice degli afflitti, prega per noi.
Aiuto dei cristiani, prega per noi.
Regina degli Angeli, prega per noi.
Regina dei Patriarchi, prega per noi.
Regina dei Profeti, prega per noi.
Regina degli Apostoli, prega per noi.
Regina dei Martiri, prega per noi.
Regina dei veri cristiani, prega per noi.
Regina delle Vergini, prega per noi.
Regina di tutti i Santi, prega per noi.
Regina concepita senza peccato originale, prega per noi.
Regina assunta in cielo, prega per noi.
Regina del santo Rosario, prega per noi.
Regina della famiglia, prega per noi.

Regina della pace, prega per noi.

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo,
perdonaci, o Signore.

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo,
ascoltaci, o Signore.

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.

Prega per noi, Santa Madre di Dio.
E saremo degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo:

O Dio, il tuo unico Figlio ci ha procurato i beni della salvezza eterna con la sua vita, morte e risurrezione: a noi, che con il Santo Rosario della Beata Vergine Maria abbiamo meditato questi misteri, concedi di imitare ciò che essi contengono e di raggiungere ciò che essi promettono. Per Cristo nostro Signore. Amen
[contact-form-7 404 "Not Found"] Misteri gaudiosi dal libro la grande promessa di Fatima

Ugo Maggengo
Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore. Ugo

Ti potrebbe piacere anche

I commenti sono chiusi.