IL PICCOLO SEME

Ecco, il seminatore uscì a seminare

il seminatore parabola di Gesù
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

1.Pane

Libro dell’Esodo 16,1-5.9-15.

Levarono l’accampamento da Elim e tutta la comunità degli Israeliti arrivò al deserto di Sin, che si trova tra Elim e il Sinai, il quindici del secondo mese dopo la loro uscita dal paese d’Egitto.
Nel deserto tutta la comunità degli Israeliti mormorò contro Mosè e contro Aronne.
Gli Israeliti dissero loro: “Fossimo morti per mano del Signore nel paese d’Egitto, quando eravamo seduti presso la pentola della carne, mangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatti uscire in questo deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine”.
Allora il Signore disse a Mosè: “Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo uscirà a raccoglierne ogni giorno la razione di un giorno, perché io lo metta alla prova, per vedere se cammina secondo la mia legge o no.
Ma il sesto giorno, quando prepareranno quello che dovranno portare a casa, sarà il doppio di ciò che raccoglieranno ogni altro giorno”.
Mosè disse ad Aronne: “Dà questo comando a tutta la comunità degli Israeliti: Avvicinatevi alla presenza del Signore, perché egli ha inteso le vostre mormorazioni!”.
Ora mentre Aronne parlava a tutta la comunità degli Israeliti, essi si voltarono verso il deserto: ed ecco la Gloria del Signore apparve nella nube.
Il Signore disse a Mosè:
“Ho inteso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: Al tramonto mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; saprete che io sono il Signore vostro Dio”.
Ora alla sera le quaglie salirono e coprirono l’accampamento; al mattino vi era uno strato di rugiada intorno all’accampamento.
Poi lo strato di rugiada svanì ed ecco sulla superficie del deserto vi era una cosa minuta e granulosa, minuta come è la brina sulla terra.
Gli Israeliti la videro e si dissero l’un l’altro: “Man hu: che cos’è?”, perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro: “È il pane che il Signore vi ha dato in cibo.”

2.Pane

Salmi 78(77),18-19.23-24.25-26.27-28.

Nel loro cuore tentarono Dio,
chiedendo cibo per le loro brame;
mormorarono contro Dio dicendo:
“Potrà forse Dio

preparare una mensa nel deserto?”.
Comandò alle nubi dall’alto
e aprì le porte del cielo;
fece piovere su di essi la manna per cibo
e diede loro pane del cielo.
L’uomo mangiò il pane degli angeli,
diede loro cibo in abbondanza.
Scatenò nel cielo il vento d’oriente,
fece spirare l’australe con potenza;
su di essi fece piovere la carne come polvere
e gli uccelli come sabbia del mare;
caddero in mezzo ai loro accampamenti,
tutto intorno alle loro tende.

3.Pane

Dal Vangelo  secondo Matteo 13,1-9.

In quel giorno Gesù uscì di casa e si sedette in riva al mare.
Si cominciò a raccogliere attorno a lui tanta folla che dovette salire su una barca e là porsi a sedere, mentre tutta la folla rimaneva sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose in parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare.
E mentre seminava una parte del seme cadde sulla strada e vennero gli uccelli e la divorarono.
Un’altra parte cadde in luogo sassoso, dove non c’era molta terra; subito germogliò, perché il terreno non era profondo.
Ma, spuntato il sole, restò bruciata e non avendo radici si seccò.
Un’altra parte cadde sulle spine e le spine crebbero e la soffocarono.
Un’altra parte cadde sulla terra buona e diede frutto, dove il cento, dove il sessanta, dove il trenta.
Chi ha orecchi intenda».

4.Pane

Riflessione

Tratta dai discorsi del curato D’Ars  ( San Giovanni Maria Vianney)

Se ora mi chiedete cosa vuol dire Gesù Cristo con questo seminatore che esce di buon mattino per andare a spargere la semente nel suo campo, fratelli, il seminatore è Dio stesso che ha cominciato a lavorare alla nostra salvezza fin dall’origine del mondo, e lo ha fatto inviando i suoi profeti prima della venuta del Messia per insegnarci ciò che era necessario per essere salvati; non si è accontentato di mandare i suoi servi, è venuto lui stesso, ci ha tracciato la via che dobbiamo prendere, è venuto ad annunciarci la santa parola. Sapete chi è una persona che non è nutrita di questa santa parola o ne abusa? E’ simile a un malato senza medico, a un viaggiatore smarrito e senza guida, a un povero senza mezzi; diciamo meglio, fratelli, che è assolutamente impossibile amare Dio e piacergli senza essere nutriti di questa parola divina. Che cosa può portarci ad attaccarci a lui, se non lo conosciamo? E chi ce lo fa conoscere con tutte le sue perfezioni, le sue bellezze e il suo amore per noi, se non la parola di Dio, che ci insegna tutto ciò che ha fatto per noi e i beni che egli ci prepara nell’altra vita, se cerchiamo di essere a lui graditi?

5 Pane

Preghiera del giorno in base al Vangelo

Signore, semina nel mio cuore ma fa che questo seme non si disperda e non muoia. Fa o Signore che possa portare frutto dentro di me e una volta che la tua pianticella cresce nella mia vita, fa che io possa prendermene cura, perseverando nel tuo amore e nell’amore del prossimo. Amen

Ugo Maggengo
Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore. Ugo

Ti potrebbe piacere anche

I commenti sono chiusi.

Guarda in:IL PICCOLO SEME